Bodybuilding: Consigli per evitare stiramenti e strappi

stiramento e dolore alla schiena

Gli infortuni da allenamento specie quelli con i pesi sono tra i più comuni, e nella maggior parte dei casi legati all’uso alla mancanza di riscaldamento dei muscoli e dello stretching preliminare. Una tecnica errata può infatti tirare, strappare o lacerare il delicato tessuto connettivo più rapidamente di quanto si possa immaginare. Un bilanciere fuori controllo o un manubrio vagante possono provocare senza le suddette tecniche il caos muscolare in un istante. In riferimento a quanto sin qui premesso, ecco una serie di consigli per evitare stiramenti e strappi durante una sessione di bodybuilding.

Una macchina perfetta chiamata corpo umano

Ogni corpo umano ha percorsi biomeccanici molto specifici. Le braccia e le gambe possono ad esempio muoversi solo in determinati modi ed in particolare se si caricano con un peso. Sforzarsi di diventare un perfezionista tecnico e rispettando l’integrità dello stesso quindi non torcere, girare o contorcersi mentre si spinge un peso è fondamentale per ottenere ciò che si desidera e in massima sicurezza durante una sessione di bodybuilding.

Lo stretching, il riscaldamento e la cintura per palestra sono rispettivamente due tecniche e un accessorio ideale per ottimizzare il risultato, ed evitare fastidiosi stiramenti e strappi che comportano poi una lunga immobilità degli arti interessati.

L’importanza dello stretching prima di ogni esercizio

Lo stretching è diverso dal riscaldamento e se eseguito correttamente aiuta a rilassare e ad allungare un muscolo prima e dopo una sessione di bodybuilding. Come risultato dello stretching il muscolo è caldo, sciolto e neurologicamente vigile nella sua forma più flessibile e di conseguenza molto più resistente a stiramenti, strappi e nel peggiore dei casi a lesioni.

Inoltre, lo stretching tra le serie di esercizi aiuta effettivamente a costruire i muscoli favorendone l’aumento dell’elasticità della fascia che li circonda. Infine, va altresì aggiunto che praticando lo stretching prima e dopo un allenamento, eliminerà praticamente il classico dolore muscolare del giorno dopo.

Il fondamentale riscaldamento dei muscoli

Un riscaldamento è solitamente una modalità di esercizio ad alta ripetizione, bassa intensità e ritmo rapido indispensabile per aumentare il flusso sanguigno ai muscoli nel corso di una sessione di bodybuilding. Questo movimento rapido e leggero innalza infatti la temperatura dei muscoli coinvolti, diminuendo anche la viscosità del sangue e promuovendo flessibilità e mobilità.

Per essere più precisi va aggiunto che un muscolo caldo con il sangue che scorre attraverso di esso è più elastico e flessibile rispetto ad uno freddo e rigido. Andare in bicicletta, fare jogging, nuotare, salire le scale e un pò di allenamento con i pesi ad alto numero di ripetizioni sono forme consigliate di riscaldamento. Se si sceglie un allenamento proprio con i pesi ad alto numero di ripetizioni, ne basta una sessione da 25 (ultraleggere e veloci) per ottenere in meno di cinque minuti il riscaldamento di tutti i muscoli principali del corpo e prevenirne quindi stiramenti e strappi.

Accessori utili per evitare stiramenti e strappi

Alzare troppo un peso in un esercizio è ad alto rischio poiché può creare delle potenziali lesioni. Una cintura da palestra è quindi vivamente consigliata per controllare un peso verso il basso, contenere un movimento entro i suoi confini biomeccanici e di conseguenza per sollevarlo. Le cinture sono dunque un punto fermo nella maggior parte delle palestre e dei centri di bodybuilding tanto è vero che molti le forniscono, anche se tante sono le persone che preferiscono acquistarne una nei negozi specializzati o sui migliori store online del settore.