Attrezzatura da arrampicata sportiva: Cosa serve per praticare questo sport?

arrampicata sportiva

Ami l’arrampicata sportiva? Questa è un’attività molto praticata da uomini e donne, ma anche da persone di tutte le età. Non sai quali attrezzature servono per iniziare? Continua a leggere questo articolo per scoprire tutto ciò di cui hai bisogno.

Cosa è l’arrampicata sportiva

L’arrampicata si associa spesso a un qualcosa di complesso e praticato solamente da persone resistenti e ben allenate. Invece bisogna sapere che è ideale per chiunque, anche bambini. Basta solo effettuare una buona preparazione.

Se desideri intraprendere questo sport, devi sapere che esistono diverse sotto categorie, tra le quali quella sportiva è una di queste. Questa disciplina comprende lo scalare la roccia grazie ad ancoraggi fissati sulla roccia. Si può effettuare sia su delle tradizionali pareti finte, realizzate proprio per praticare l’allenamento e quindi indoor o su una scarpata ripida, chiamata anche outdoor.

Che attrezzatura bisogna acquistare per l’arrampicata sportiva?

L’attrezzatura indispensabile per praticare questo sport non è complicata da reperire e neanche molto costosa. Un consiglio è quello di scegliere sempre brand noti, che garantiscono articoli di qualità e di lunga durata.

Un’altra cosa importante è che sia omologata UIAA, ovvero Unione Internazionale delle Associaz. Alpine e CEN, cioè Comitato Eur. per la Nominazione.
Dopo aver appreso ciò, bisogna capire quali sono gli accessori necessari per effettuare quest’attività:

  • Corda: si tratta di un elemento molto importante per l’arrampicata; in commercio ne esistono di tante lunghezze e dimensioni. Noi suggeriamo di preferirne una molto spessa, circa dieci millimetri di diametro e lunga almeno sessanta metri, per iniziare.
  • Scarpette: nel mercato si possono trovare diversi modelli e ognuno con differenti funzioni. Per quanto riguarda l’arrampicata sportiva, consigliamo un paio comodo, morbido e che non fascia il piede, poiché bisogna garantire massima agilità.
  • Imbracatura: si tratta del sostegno che deve essere legato al corpo e che dovrà essere semplice da mettere e leggero.
    Bisogna scegliere la misura giusta in base al proprio fisico, quindi un consiglio è quello di provarne diversi modelli prima di acquistarne uno.
  • Freno: serve per tenere fermo il moschettone e si distingue in due differenti categorie. I più utilizzati sono quelli bloccanti, che dopo una trazione fermano automaticamente e subito la corda, per impedire la caduta. Poi ci sono i freni autobloccanti che non necessitano dell’assicuratore che nega la caduta.
  • Rinvii: sono realizzati con due moschettoni messi insieme attraverso una particolare cinghia. Un consiglio è quello di comprarne almeno dieci per poter eseguire lunghi tratti di roccia.
  • Sacchetto e magnesite: il magnesio è un elemento importante durante quest’attività, in quanto consente di tenere le mani asciutte durante la pratica, evitando in questo modo di scivolare a causa del sudore e dell’umidità. Questa sostanza si mette all’interno di un sacchetto apposito e che deve essere sempre tenuto in tasca.
  • Occhiali di sicurezza: si tratta dell’ultimo accessorio utile che consente di ribaltare la vista davanti di novanta gradi e vedere il compagno che si trova sopra senza dover sollevare la testa.
    In questo modo si evita il torcicollo e altre tipologie di dolori, garantendo allo stesso tempo la massima sicurezza, poiché non si sposta la visuale su altri elementi mentre ci si arrampica.
  • Casco: si tratta di un accessorio molto importante e che ogni amante degli sport in montagna deve avere. È assolutamente necessario per praticare l’arrampicata e l’alpinismo, poiché devono assicurare protezione in ogni situazione, senza rinunciare anche alla comodità. In commercio ne esistono di diverse tipologie, ovvero: a calotta rigida, in schiuma e devono essere scelti in base al peso e al comfort che offrono.

Questa è tutta l’attrezzatura indispensabile per effettuare l’attività di arrampicata sportiva, sia su parete artificiale, ovvero indoor, che sulla roccia, chiamata anche outdoor.